mercoledì 28 maggio 2014

13.000 VISITE


Nonostante la mia recente latitanza dal web , vedo con piacere che state continuando a seguirmi ....grazie di cuore.
Clood

martedì 27 maggio 2014

GIOCARE CON CORALLINI DI PASTA

Giocare ai corallini . . . . come dice la mia bambina.


’Una idea per creare tanti corallini colorati e trascorrere un’ora di tempo insieme al nostro bambino.

Materiale occorrente:
pasta piccola tipo maccheroncini (ne esistono di varie dimensioni - scegliete quelli che piu' vi piacciono)-
un sughero - stuzzicandenti - lampostil di vari colori - foglio di carta da giornale-

Preparate il tavolo di lavoro ricoprendolo con un foglio di giornale.
Per colorare la pastina vi risultera ''' piu' agevole infilare uno stuzzicandente in un tappo (vedi foto). Procedere quindi nel colorare la pastina.
Un' idea in piu'-Volendo si possono tostare in una padella antiaderente - otterremo dei corallini che sembreranno di legno.


lunedì 26 maggio 2014

SACCHETTI DI PLASTICA




Anche i sacchetti di carta/cartoncino – quelli con i manici di plastica morbida…..possono avere una seconda vita.
Avevo acquistato abbigliamento in un negozio del centro _ i sacchetti che mi avevano dato avevano un bel color rosso cardinale.
Anche i manici avevano lo stesso colore.
Tutte le volte che li riutilizzavo _ il loro tocco _ mi piaceva.
Il materiale era morbido e resistente.
Poi mi venne l’ispirazione. . . . . .trasformarli per creare un bijoux originale.


Materiale occorrente:
manici  in plalstica morbida tolti da sacchetti  (dovranno essere piatti e di una larghezza di 2 – 3 cm.
Forbici
pinza per fare i buchi
pinza a becco d’uccello
catenella in acciaio
Esecuzione:
tagliare i manici in tanti pezzetti a vs piacimento. Io ho tagliato pezzettini di circa 3 cm.
Forarli tutti su entrambi i lati.
Tagliare la catena in tanti pezzetti . Aprire le maglie iniziali e finali ed agganciarle nel buco fatto.
Assemblare tutti i pezzi nello stesso modo.
Per arricchirla ho poi aggiunto altri pezzetti di maglia in un solo buco, saltando quello successivo e lasciandola cosi'sospesa.

sabato 24 maggio 2014

COLLANA CON COPRISEDILE ANNI 70




Chi non ricorda quei copri seggiolini auto costruiti con le palline di legno.
A me non sono mai piaciuti _ ma c’e’ chi diceva che mantenevano fresca e confortevole la seduta.
Rovistando nel garage dei miei Genitori _ ne ho trovato uno.
Interessanti queste palline . . . . .mi sono detta !
Portato a casa _ l’ho poi completamente smontato e riposte le palline in una delle mie mille scatole nel mio laboratorio.

A distanza di tempo _ in un momento in cui ho riscoperto il piacere di usare monili _ e soprattutto monili originali _ non commerciali _ ho deciso di provare a crearne uno.
Ho trovato poi un vecchio girocollo in sfere di plastica color piombo che si sposavano bene con il color legno.
Il resto e’ stato un gioco da ragazzi.
La collana che e’ nata _ mi piace molto _ e tutte le volte che la indosso riscuote sempre successo.

giovedì 22 maggio 2014

CERCHIETTO PRIMAVERA....FIORI IN TESTA ALLA FESTA





Ricordate il cerchietto primavera ‘?
Eccolo, . . . .  e’ tornato di nuovo. . . .

FIORI IN TESTA .....CHE VANNO ALLA FESTA 

In occasione della festa di fine anno della scuola primaria della mia bambina,  ho deciso di contribuire alla raccolta di fondi pro-scuola, preparando dei cerchietti.

Con dei plato ' da frutta presi dal mio fruttivendolo di fiducia, ho preparato un espositore.  Siccome i fiori crescono nei prati, ho deciso di usare un bel colore verde mela. 
Ogni cerchietto e’ stato poi racchiuso in un sacchetto trasparente e chiuso con un fiocchetto di rafia in tinta. Ad ogni cerchietto e’ stato attaccato con la pistola sparafili , una etichetta, ovvero un cartoncino ovale colorato con il nome del mio blog e la scritta “cerchietto realizzato a mano”.
L’espositore e’ stato poi completato con il fondo di un plato’ piu’ grande che serve da spalliera.
Ovviamente tutto il lavoro di assemblaggio e' stato eseguito da mastro geppetto ovvero il mio 50% perche' molto piu' esperto di me. Io commissiono lui esegue.
Se siete incuriositi vi scrivo il link dove spiego come farli.
http://cloodreams.blogspot.it/2013/11/cerchietto-primavera.html#links





lunedì 19 maggio 2014

PORTA FOTO CON LEGNI DI MARE





Chi mi segue, gia’ sapra’ che ovunque io vado, porto a casa qualche cosa. Immaginatevi   decine di vacanze estive trascorsi in Croazia, dove la sabbia non esiste, ma in compenso si trovano sassi di tutte le forme, colori e dimensioni, cosa posso aver portato nel mio laboratorio.
Tutti i sassi sono poi stati divisi a seconda della tipologia e stivati per il futuro.
Ho poi comprato delle semplicissime cornici quadro all’Ikea, quelle piu’ economiche in pino grezzo, poi spinta dalla fantasia vi ho attaccato con la colla a caldo sassi, conchiglie, legni etc.


Il risultato a me piace, sono semplici ed originali.






sabato 17 maggio 2014

TUTTO PAR MORTO






Era il 1995 , nel mese di luglio a Rimini.
Un momento brutto della mia vita che poi, per fortuna si risolse nel migliore dei modi.
Quindi decisi di scrivere questa " poesia" che rappresentava esattamente il mio stato d'animo.


Tutto par morto,
l'onda emette un impercettibile gorgoglio.
Floscia e stanca la bandiera sull'asta.
Anche i gabbiani non volano piu', sono li' , in gruppo, sulla battigia e sembrano attendere.
La spiaggia e' vuota.
Non c'e' nessuno
Solo io ed i miei pensieri.
Pensieri fermi come tutto cio' che mi circonda.


Fermarsi per non pensare, ma per attendere.

venerdì 16 maggio 2014

SOVRACOSCIA DI POLLO ALLA GRIGLIA




Pensate che il pollo alla griglia non sia eccezionale ?
 Allora non conoscete questa ricetta. . . provatela e cambierete idea sul pollo.
Facile da mangiare in quanto disossata, saporita, alternativa.
Ingredienti:
dose per 4 persone
2 sovracoscia di pollo
2 spicchi aglio
Olio evo
Sale pepe
2 rami  di finocchio fresco
2 rami di origano fresco
1 limone biologico
1 ramo di rosmarino fresco
1 coltello piccolo molto affilato
Esecuzione:
Questa parte di pollo e’ formata dalla coscia e dal pezzo che la precede.
Procedere con eliminazione delle due ossa. Inicidete la carne fino ad arrivare all’osso poi iniziate a liberarlo. Tagliate con un trinciapollo la parte finale della coscia. Eliminate tutte le parti eventualmente grasse ed i nervetti duri.
La pelle dovrete tenerla perche’ sara’ la parte che verra’ appoggita  sulla griglia. Con il coltello incidete sia in senso verticale che orizzontale la carne in modo che si sfibri.
Prendete un contenitore preferibilmente di vetro. Stendete un filo di olio ed appoggiatevi sopra il pollo disossato. Schiacciate il succo di meta’ limone per ogni pezzo di pollo. Aggiungete uno spicchio di aglio leggermente schiacciato, il sale il pepe, i pezzi del limone rimasti, la barba del finocchio, l’origano e meta’ ramo di rosmarino. Aggiungete ancora un filo di olio ed una presa di sale e pepe. Coprite con un foglio di carta da forno e ripetete l’operazione anche per l’altro pezzo. Chiudete con il coperchio e riponete in frigo.
 Piu ‘ tempo rimarra’ nella marinatura piu’ sara’ saporito.
I consigli di cloodreams:
per preparare le marinature potrete dar sfogo alla vostra fantasia. Impotante che ci sia una componente grassa (olio), una acida (vino-aceto- liquore-limone) ed una  aromatica . Altro farttore molto importante e’ il tempo di marinatura che deve essere di almeno 2-3 ore fino ad una giornata intera.



giovedì 15 maggio 2014

"OSSO DI BRONTOSAURO" ALLA GRIGLIA



Una simpatica  ed originale idea per cuocere alla griglia un piatto alternativo.
Ingredienti:
dose per 4 persone
un pezzo di costina di maiale  intera lunga compsta da 4  pezzi
spago alimentare
coltello affilatissimo
2 fette di mortadella
Sale pepe
Mezzo bicchiere di brandy
1 spicchio aglio
Olio evo meta’ bicchiere
1 ramo rosmarino fresco erba cipollina
1 pizzico di timo fresco


Esecuzione:
Questa operazione e’ consigliabile farla il giorno prima del consumo in modo che la carne maceri bene.
Dividere la costina di maiale  in quattro pezzi avendo cura di centrare la carne fra le ossa.
Partire dall’alto dell’osso ed iniziare a disossare lentamente, prima incidendo l’osso poi staccando lentamente la carne facendo attenzione a lasciarla intera. Proseguire fino a circa 2-3 cm dalla fine. Vi dovreste trovare una specie di bistecca che sara’ attaccata alla parte finale dell’osso. Con il batticarne appiattite e incidetela con il coltello in modo da spezzare le fibre. Aggiungere sale e pepe. Appoggiarvi sopra circa meta’ della fetta di mortadella ed iniziare ad arrotolare in modo da formare una “pallina” di carne. Con lo spago alimentare fissate il rotolino all’osso in modo che non si sposti . In un contenitore ermetico (meglio di vetro, unire circa meta’ bicchiere di olio evo , l’aglio tagliato in due, il brandy, il timo , il rosmarino, una presa di sale fine ed  una di pepe.
Amalgamate bene il tutto poi adagiatevi la carne. Ricordatevi di girarla dopo alcune ore in modo che assorba bene tutti gli ingredienti. Conservare in frigo fino al momento della cottura.
Le braci dovranno essere abbondanti in modo che la carne si cuocia  velocemente. Se volete potete servire “osso di brontosauro” con la parte finale dell’osso avvolta nell’alluminio in modo che afferrandolo non ci si sporchi le mani. I bambini adorano questo piatto perche’ lo si puo’ mangiare a morsi senza l’uso di forchetta e coltello.






martedì 13 maggio 2014

ORTOTERAPIA



Orto terapia
Ritrovare il contatto con la natura.
Riscoprire i tempi della natura.
Oggi siamo abituati ad avere tutto e subito.
Non conosciamo la stagionalita’ della frutta e della verdura, perche’ nel negozio sotto casa troviamo i pomodori tutto l’anno.
Poche persone conoscono il puro piacere che si ha nel "partire" dal seme fino ad  arrivare  alla raccolta del frutto,
Ci siamo dimenticati che e’ importante saper aspettare, 
Rispettare quello che e’ ’ la natura,  e con essa la vita , aiuta anche a   migliorare noi stessi ed il rapporto che abbiamo con gli altri.
Spostare la nostra attenzione, da quelli che possono essere i nostri pensieri negativi, le nostre ossessioni , i nostri problemi anche solo per 5 minuti, a trasformare l’energia negativa in energia positiva , incanalandola verso  un nuovo obbiettivo e’ sicuramente salutare,
Se tutto cio’ crea benessere in un individuo adulto, pensate a cio' che scatena in un bambino.
Molti bambini pensano che i pomodori nascano all’Esselunga , e non e’ una battuta.




Essere a contatto con un ambiente nuovo,in cui la  sensazione tattile ed olfattiva vengono sviluppate ed accentuate, ci aiuta a sviluppare anche quella che in molti chiamano la memoria olfattiva.  Vi e’ mai capitato di annusare un profumo ed immediatamente avere un flash back  del passato ? 
 A me succede spesso , e per ricollegarmi al  titolo di questo post , ORTOERAPIA  vi raccontero'  questo episodio.
Tutte le volte che taglio il prezzemolo ho una immediata sensazione di benessere  . Ricordo che quando avevo circa 5-6 anni , durante le vacanze in montagna, la mamma mi faceva scendere da sola nell’orto a raccogliere del  prezzemolo . 
Il ricordo e’ legato ad una sensazione di indipendenza, mi sentivo grande anche se non lo ero e cio’ mi faceva stare bene. Scendevo le scale da sola, percorrevo una decina di metri ed aprivo un magico cancello, quello dell'orto,  e da sola sceglievo quale era il prezzemolo piu' bello da portare alla mia mamma. Quel cancello per me era un traguardo, una iniezione di autostima e di fiducia che mia mamma mi concedeva.
Tutto   cio'  era  stupendo.

domenica 11 maggio 2014

DESERTO VENETO



Lo chiamano anche “ deserto veneto” .
Si tratta di chilometri e chilometri di spiaggia selvaggia e non colonizzata da stabilimenti, che fanno parte del Parco nazionale del delta del Po Veneto.
Gli unici ripari sono stati creati dall’uomo utilizzando legni tasportati dal mare .
Le foto sono state scattate nella zona   tra il paese di Rosolina Mare e l’isola di Albarella.
Io adoro questo luogo.
Per me e’ fonte di ispirazione . Cammino ore e ore nell’acqua bassa  a caccia di tutto cio che la natura e non solo  mi puo’ offrire .   Pezzi di legno,  canne di bamboo,o altri reperti che il mare restituisce dopo averne cambiato l’aspetto, vongole o granchi.
Per raggiungerlo sono possibili due alternative:  via mare o facendo una spelndida passeggiata  di circa 10 minuti attraverso la pineta  (pino domestico Pinus pinea, pino marittimo Pinus pinaster ), e un bosco spontaneo (leccio, farnia, pioppo bianco, frassini).
Sotto  a questi i prosperano moltissime specie di arbusti. 
Nell Parco Nazionale del delta del Po' Veneto si possono vedere le dune di sabbia ovvero dei corpi sabbiosi di origine eolica, cioe' formati dal vento  
Alcune di queste dune sono considerate fossili . Esse rappresentano quello che era l'antico confine tra terra e mare prima che il Po  spostasse in avanti la linea della costa. Nella zona di Rosolina si possono vedere le dune piu' alte che possono raggiungere anche l'altezza di sette 
metri.


Questa area, durante le stagioni intermedie e' poco  frequentata, in estate un po’ di piu’.


Amanti della natura, dei luoghi selvatici, naturisti e gli adventur men  sono i frequentatori dii questi posti.

lunedì 5 maggio 2014

SALMONE MARINATO CON ZEST SALVIA E ROSMARINO




Questa ricetta fa parte di una TRILOGIA di salmone marinato.
Se le servirete insieme, la sequenza da rispettare sara':
salmone marinato con crema di rucola e mela
salmone marinato con zest salvia e rosmarino
salmone marinato con champignon e salsa di soia


 
Ingredienti :
gr.150 di filetto di salmone crudo gia’ abbattuto
meta’ mela granny Smith (mela verde acidula)
alcuni pezzettini di zest (scorzetta di limone non trattato)
1 cucchiaio di salsa di soia

3 foglie di salvia fresca
1 ramo piccolo di rosmarino fresco
olio evo
sale
pepe




Esecuzione:
Con un coltello affilatissimo fare delle fettine di salmone , versare un po’ di olio in un piatto da portata  ed appoggiarvi le fettine.
Preparare una vinaigrette (miscela) con 4 cucchiai di olio, sale, pepe ed 1  cucchiaio di  salsa di soia.
Tritare finemente lo zest la salvia ed il rosmarino.
Versare il trito nella vinaigrette e mescolare.
Lavare e sbucciare la mela, affettarla sottilissima ed appoggiarla sul salmone.
Irrorare con la vinaigrette   e riporre in frigo coperto con pellicola trasparente per almeno 1 ora. 
Servire freddo.
Ricetta by Cloodreams