lunedì 27 marzo 2017

SESSANTAMILA VISITE

Altro traguardo importante.
Cloodreams varca i confini dell'Europa.
Importanti visite dagli U.S.A.
Grazie

lunedì 20 marzo 2017

LAVATRICE DI ALTRI TEMPI


In molti di voi non sapranno che nell'immediato dopo guerra e forse anche prima, nelle famiglie, grandi bacinelle di zinco, si utilizzavano per fare il bucato.  Praticamente sostituiva la nostra attuale lavatrice. 
Si  preparava la "lisciva" con acqua calda e sapone (quando c'era) o cenere,  poi  si appoggiava  un' asse di legno al suo interno o sopra e  si strofinavano  i panni con una spazzola.


Il secchio si utilizzava ovviamente per versare l'acqua bollente, che molto probabilmente era stata scaldata sul fuoco del camino o dalla caldaia della stufa a legna.   


Questi due oggetti erano ovviamente custoditi dalla mia mamma, lei in gioventu' li usava veramente.
Naturalmente io ne stravolgero' il loro originale uso.
La bacinella diventera' un tavolino. Sopra collochero' un pezzo di legno spesso almeno 5-6 cm di forma circolare, non so ancora bene di che tipo di legno e come esattamente lo tagliero' . Non e' una mia idea, ma l'ho vista e mi e' piaciuta.
Probabilmente  verra' collocato in un bagno,  forse utilizzato  come porta biancheria, sto ancora studiando un modo per aprire agevolmente.....oppure in una zona studio accanto ad una poltrona relax.
Il secchio invece diventera' il cestino porta carte  da  bagno o da studio.
Appena saranno collocate nel loro ambiente , postero' le foto .

mercoledì 15 marzo 2017

CASSA DA SPEDIZIOINE VINTAGE





Diversi anni fa, l'avevo riposta in soffitta.....sapendo che prima o poi l'avrei utilizzata. Ed ora e' arrivato il momento. 
Diventera' un "tavolo" per una zona living in stile industriale-vintage .
La cassa da spedizioni e' in ottimo stato, e sorprendentemente sotto mille strati di carta ho trovato una splendida scritta originale, che mi ha evitato  il lavoro del trasferimento di immagine.
Non ho idea di cosa contenesse, ma sicuramente ha tanti anni .


Purtroppo la scritta MODENA 29908   Lor. 40kg. era stata stampata sul fondo della cassa. A questo punto e' intervenuto il braccio, ovvero mio marito, che nelle opere di falegnameria e' nettamente migliore di me.
Ha praticamente smontato un laterale della cassa  in modo che il fondo diventasse il lato. 


Per il momento vi mostro le immagini dei lavori in corso d'opera.  Il progetto prevedera'  una levigatura per togliere parti verniciate e far riaffiorare le venature del legno. 
Gli strati di carta con cui era rivestita erano almeno due, e quello interno era di carta nera, non vi dico la fatica....


Con  uno spruzzino  pieno d'acqua ho inumidito la carta e con un raschietto l' ho pazientemente tolta tutta.
Prossimo lavoro probabilmente sara' stendere olio paglierino, faro' prima una prova in un punto nascosto perche' non vorrei che perdesse lo stile industriale - vintage che la caratterizza .

Il coperchio sara' semplicemente appoggiato e servira' come base appoggio. Al suo interno si potra' custodire qualsiasi cosa.
Sara' collocata davanti ad un grande divano dalle linee essenziali e probabilmente sopra collochero' alcune lanterne vecchie.

Per agevolarne lo spostamento applichero' 4 ruote recuperate da una vecchia sedia . A avori ultimati postero' fotografie .

lunedì 6 marzo 2017

GRAND HOTEL OROLOGIO ABANO ITALY




Una breve pausa di relax con la famiglia mi ha permesso di scoprire inaspettati scorci di una Abano "antica". Nei pressi dell'isola pedonale, ho scoperto questo a mio parere bellissimo complesso al momento in disuso. Sono immediatamente stata attratta dalla bellezza dell'abbandono, dai colori tenui e consumati dal sole, degli scuri.



Si tratta del GRAND  HOTEL OROLOGIO  di cui nulla sapevo. 
Mi sono documentata e si tratta di un edificio costruito nel 1700 dai nobili Dondi dell'Orologio, che fu ampliato nel 1800 aggiungendo una facciata neoclassica  e fu sistemato il vasto giardino che circonda tutt'ora l'albergo. 


Un immenso pino formato il cui tronco originale ha dato vita a tre tronchi enormi. Piu' grandi li vidi solamente in Croazia nel parco di una villa romana. Bellissimi ! 


Durante la Prima Guerra Mondiale fu sede del Comando Supremo ed il Generale Armando Diaz era solito soggiornarvi.


Una struttura cosi' imponente che al momento  non e' utilizzata da nessuno tranne forse il custode. Mi piacerebbe moltissimo poterla visitare internamente e respirare a pieni polmoni tutta la vita e la storia che fra quelle mura e' passata.


Le finestre aperte lasciavano intravedere vetrate bellissime. Questo giardino ( o meglio quel poco che sono riuscita a sbirciare da fuori) mi ricordava , pur essendo curato) l'ambientazione di un libro che lessi da piccola : Il giardino segreto.....
Guardandolo mi immaginavo dame e cavalieri mentre sorseggiavano the in giardino, domestiche e giardinieri intenti a riordinare .....L'attenzione che provo verso queste dimore, al periodo storico che le rappresentano mi fa sognare e pensare che forse in un'altra vita,  quella era la mia vita. 

venerdì 17 febbraio 2017

TOMBOLA VINTAGE



Ma quanto e' bella questa tombola ... Avevo un ricordo lontano di questa tombola, allora ho chiesto alla mia mamma conservatrice.  Era in solaio dentro ad un sacchetto di stoffa, abbandonata su uno scaffale.


Da dove sia arrivata, nessuno se lo ricorda. Di anni sicuramente ne ha tanti almeno 50.

Il suo stato di conservazione e' buono anche se il cartellone era stato riparato con del nastro adesivo che con gli anni si e' cristallizzato

Cartellone a doppio uso, perche' da un lato c'e' il gioco della dama.

 Vogliamo parlare dei numeri ? Tutti in legno con i numeri impressi . Peccato che ne manchino due, ma appena mi sara' possibile vedro ' di realizzare con del legno quelli mancanti .
Il fascino di oggetti vintage non mi stanchera' mai .


lunedì 13 febbraio 2017

FREGOLA CON VONGOLE




Fregola, alimento prima d'oggi a me sconosciuto. Si tratta di un prodotto di origine sarda, semola di grano duro impastata con acqua da cui  ricavano delle piccole palline che poi successivamente vengono tostate.
Il sapore mi ricorda quello del "PAN COTTO" che mi cucinava la mia mamma quando ero piccola. 
Il sapore di pane tostato, unito ad una buona  consistenza permettono, a mio avviso, che questo tipo di pasta si possa abbinare benissimo con qualsiasi ingrediente.



Durante le festivita' natalizie volevo preparare qualche cosa di innovativo, non il solito tagliolino allo scoglio o altro, quindi ho provato questa nuova ricetta e devo dirvi che e' piaciuta a tutti, persino alla mia mamma (nonostante i suoi 90 anni).
Ingredienti :
dose per 4 persone
1 kg di vongole 
fregola sarda 300 gr
olio evo
sale pepe
aglio
1 bicchiere vino bianco
prezzemolo fresco
brodo vegetale
Esecuzione :
Prima di tutto preparate un po' di brodo vegetale che vi servira' per allungare il fondo di cottura delle vongole con cui cuocerete la fregola.
Lavate accuratamente le vongole e lasciatele a bagno in una terrina con un po' di sale per alcune ore in modo da eliminare la sabbia interna.
In un tegame alto e stretto versate le vongole , 1 bicchiere di vino bianco, pepe nero macinato fresco, mezzo bicchiere olio evo, coprite e fate cuocere a fiamma vivace fino a quando tutte le vongole non saranno aperte. Se qualche vongola rimanesse chiusa, buttatela, perche' probabilmente sara' piena di sabbia. Sgusciate  3/4 delle vongole. Filtrate il liquido di cottura ed allungatelo con un po di brodo vegetale. In una padella o tegame abbastanza largo versate un po' di questo liquido e tutta la fregola, mescolate in continuazione.  Aggiungete in continuazione  il brodo in modo da "risottare" la fegola. Poco prima che sia cotta versate le vongole sgusciate, regolate eventualmente di sale e continuate la cottura. La fregola deve rimanere con una consistenza soda. A cottura ultimata aggiungete il prezzemolo tritato fine, un filo di olio evo ed una macinata di pepe . Impiattate aggiungendo su ogni piatto le rimanenti vongole.

giovedì 9 febbraio 2017

SCRITTURA CON PENNA STILOGRAFICA



Da sempre desideravo una penna stilografica "seria" e finalmente quest'anno Babbo Natale me ne ha portata una.
Adoro il rumore del pennino sulla carta, la calligrafia che assume spessori diversi a seconda della pressione. Un tratto importante, il profumo dell'inchiostro rigorosamente blu.


E cosi' lei mi accompagna sempre nella borsetta. Purtroppo non posso infilarla nella mia agenda in quanto di dimensioni troppo importanti.
Anche da piccola avevo la passione per le penne stilografiche.
Scrivere  con la penna stilografica un biglietto, firmare un contratto o semplicemente scrivere un promemoria appaga il mio spirito.




Non ha importanza che sia o no un oggetto prezioso o costoso ma l'importante e' la realizzazione di un sogno.
Nel mio LABO  ho anche un kit per scrittura con pennini di varie misure e boccette di inchiostro, carta per scrivere e buste color avorio, cera lacca, carta assorbente....
Se avete letto la mia etichetta "IL FRASEGGIO" sappiate che quasi tutti i miei pensieri e le mie poesie sono stati  scritti rigorosamente con pennino o penna stilografica.

Non so cosa significhi, e se un significato ce l'ha, ma scrivere con qualcosa dal tratto sottile e poco evidente mi ha sempre infastidito.
Ora non mi resta altro che augurarvi....buona scrittura.


giovedì 2 febbraio 2017

SACCHETTA PER DOG SITTER



Dietro suggerimento di mia figlia, la quale adora  cani, e da grande dice
fara' la dog sitter, ho realizzato insieme a lei ed una sua amichetta alcune sacchette.
Su un foglio le ho chiesto di farmi il progetto (non appena lo recuperero' postero' al foto). Ho cercato in casa del tessuto da riciclare e mi sono ricordata di avere una federa di cotone nero.
Materiale occorrente:
stoffa di cotone
filo 
macchina da cucire o ago
cordoncino
colore bianco 
Esecuzione:
Tagliare 2 pezzi delle dimensioni di 17 cm  per 11 cm.  Con una matita bianca fare  la scritta che si desidera e proporzionata allo spazio disponibile. Poi con la macchina da cucire , utilizzando il punto per fare le asole, iniziare lentamente a seguire la scritta.
Nel frattempo spiegavo alle bambine come si deve appoggiare un cartamodello sul tessuto e delle regole da seguire e lor nel limite del possibile mi aiutavano.
Cucire i lati mantenendo circa un bordo di 1 cm.
Piegare l'orlo in alto di circa 3 cm verso l'esterno (parte rovescio) e cucire  in modo da creare un canale interno dove far poi passare un nastrino, ovvero due cuciture parallele che abbaino all'interno uno spazio di circa 2  cm. Per effettuare questa cucitura occorre infilare il sacchetto nella prte inferiore della macchina da cucire (se si riesce a togliere il pezzo del porta spole) altrimenti cucire internamente e girare il sacchetto.

Scaravoltare la sacchetta poi con l'auto di una forbice tagliare leggermente di una spilla da balia infilarci il cordoncino . Fare due giri  completi dentro lo stesso canale. Ultimata questa fase tenete abbastanza cordoncino libero sia in entrata che in uscita, Poi tagliate anche un pezzettino anche sull'altro lato e con l'aiuto di un uncinetto sfilate un pezzo del cordoncino  che dovra' risultare come una anello. Tirare ripetutamente i laccetti ,contemporaneamente,  su entrambi i lati in modo da chiudere bene il sacchetto .
Un paio d'ore trascorse insieme alla mia bimba, ad una sua amica, poi mentre abbiamo cucito   abbiamo anche realizzato una sacchetta per Ugo il Rottweiler del nostro amico Mario, con cui spesso in estate le bambine passeggiano.



lunedì 30 gennaio 2017

CALENDARIO D.I.Y.



Cosa c'e' di piu' bello di un calendario che ogni giorno ti offre la possibilita' di riflettere su aforismi e pensieri,
E cosi' quest'anno il regalo di natale che ho preparato per le persone e me care e' stato il "Calendario filosofico"




In tutto ne abbiamo realizzati 25. Tagliati, incollati, inchiodati assemblati ed infine colorati uno per uno.


Sotto ad ognuno ho scritto personalmente una dedica e gli auguri di buon Natale, poi con carta plastificata trasparente li ho confezionati 




venerdì 27 gennaio 2017

INIZIO 2017 TRAGUARDO INASPETTATO



L'anno 2017 e' iniziato con tante soddisfazioni. 
Il mio blog e' visitato ormai in tutto il mondo. Ultimamente ho avuto un forte incremento delle visite dal nord America ed Alaska.
Ho raggiunto le 50.000 visite, mi ripeto tutte le volte,  ma sono felice che un piccolo blog fai da te', nato da tante ore rubate al sonno, abbia raggiunto questo  piccolo, ma per me grande  traguardo,  ricco di soddisfazione ed emozione.
In questo momento sono alle prese con il restylig di una parte della mia casa. Cerco ispirazioni, catalogo immagini, pianifico il design.  Ne uscira' un nido dove rilassarsi facendo un bagno rilassante,  lasciare fuori il mondo e  calarsi nelle proprie passioni, sdraiarsi su un comodo divano avvolti in una morbida copertina. Fra qualche mese pubblichero' le foto del before and after