giovedì 4 febbraio 2016

FRAPPE DI MAMMA BRUNA

FRAPPE  di mamma Bruna  ( Carnevale)


Come ogni anno, durante il carnevale, la mia Mamma mi preparava le frappe...


e la cosa che adoravo di piu' oltre a mangiarle era quella di leccarmi continuamente le dita piene di zucchero a velo


INGREDIENTI:
500 gr . farina zero
2 noci di burro
2 uova
Mezza bustina di lievito dolci
½ bicchiere acqua (tipo nutella piccolo)
Liquore Sassolino (tipo anice) quanto basta
4 cucchiai di zucchero di canna
Zucchero a velo
1 litro olio di arachidi
Carta assorbente
Friggitrice o tegame idoneo alla frittura
Vassoi di cartone tipo pasticceria
Colino spargi-zucchero
Rotella dentellata per tagliare

ESECUZIONE:
Fare sciogliere a bagno maria il burro.
In una ciotola o nella planetaria unire lo zucchero e le uova. Fare amalgamare, unire la farina ed il lievito.
Aggiungere l’acqua e poi poco alla volta , fino a quando l’impasto non sara’ morbido, il liquore Sassolino.  La quantita’ occorrente sara’ poco piu’ di mezzo bicchiere piccolo tipo Nutella.

Quando l’impasto sara’ pronto, lasciarlo riposare un po’.

Preparare un piano d’appoggio e dei vassoi, dove poi appoggerete le frappe pronte da friggere.
Montate la macchina per tirare la pasta. La mia e’ di marca Marcato e la uso al numero 6. In ogni caso la pasta deve essere sottile.
Prendete delle piccole quantita’ di pasta, schiacciatela un po’ con le mani, poi iniziate a tirarla. Ovviamente si deve partire dallo spessore piu’ grosso che in

genere e’ il numero zero. Fate sempre alcune passate prima di cambiare il numero e se occorre usate un po’ di farina.
Ottenuto lo spessore desiderato, con l’apposita rotella dentellata tagliate delle strisce larghe circa 1,5 cm e lunghe circa 30/40 cm. La lunghezza deve permettere di creare un
nodo morbido. Prendete le strisce e fate un nodo, ponendo attenzione a lasciarlo lento, altrimenti la pasta all’interno non si cuoce.
genere e’ il numero zero. Fate sempre alcune passate prima di cambiare il numero e se occorre usate un po’ di farina.
Ottenuto lo spessore desiderato, con l’apposita rotella dentellata tagliate delle strisce larghe circa 1,5 cm e lunghe circa 30/40 cm. La lunghezza deve permettere di creare un nodo morbido. Prendete le strisce e fate un nodo, ponendo attenzione a lasciarlo lento, altrimenti la pasta all’interno non si
cuoce.
Appoggiate tutti i “nodi “ su un vassoio.
Ripetete questa operazione per tutta la pasta.
Preparate l’olio da friggere usando il modo che preferite. In genere io uso la friggitrice perche’ mi permette di  mantenere costante la temperatura, di solito  180°.
Le frappe non andranno cotte molto devono diventare leggermente dorate.
E’ consigliato friggerne poche alla volta . Questo sistema vi permettera’ di farle scolare un po’ dall’olio di frittura, poi di appoggiarle in un contenitore, dove le spruzzerete abbondantemente con il liquore Sassolino.  Facendo questa operazione in un contenitore vi permette di raccogliere il liquore in eccesso e riutilizzarlo. Prendete le frappe e passatele in altro contenitore. Con il colino spargi-zucchero  copritele su entrambi i lati.
 con lo zucchero a velo, ed infine appoggiatele delicatamente in un vassoio.
Quando saranno completamente raffreddate potrete conservarle diversi giorni al riparo dall’umidita’ in modo che mantengano la loro croccantezza.


Appoggiate tutti i “nodi “ su un vassoio.
Ripetete questa operazione per tutta la pasta.
Preparate l’olio da friggere usando il modo che preferite. In genere io uso la friggitrice perche’ mi permette di  mantenere costante la temperatura, di solito  180°.
Le frappe non andranno cotte molto devono diventare leggermente dorate.
E’ consigliato friggerne poche alla volta . Questo sistema vi permettera’ di farle scolare un po’ dall’olio di frittura, poi di appoggiarle in un contenitore, dove le spruzzerete abbondantemente con il liquore Sassolino.  Facendo questa operazione in un contenitore vi permette di raccogliere il liquore in eccesso e riutilizzarlo. Prendete le frappe e passatele in altro contenitore. Con il colino spargi-zucchero  copritele su erntrambi i lati.

con lo zucchero a velo, ed infine appoggiatele delicatamente in un vassoio.

Quando saranno completamente raffreddate potrete conservarle diversi giorni al riparo dall’umidita’ in modo che mantengano la loro croccantezza.

Nessun commento:

Posta un commento

Your comment....