domenica 25 ottobre 2015

TORTELLONI DI ZUCCA




E'arrivato l'autunno. Foglie che si colorano, giardini che cambiano . E con l'autunno arrivano i frutti di questa stagione.

 La zucca, piena del sole estivo, ci regala il suo delicato e dolce sapore. Perché non fare alcuni tortelloni ripieni di zucca......




Ingredienti per circa 100 tortelloni:
150 gr farina bramata
100 gr. di farina 0
3 uova fresche

Ingredienti per il ripieno:
350 gr. di zucca cotta senza buccia
4 cucchiai di pane grattugiato
200 gr. parmigiano
10 amaretti
noce moscata grattugiata qb

Esecuzione impasto:
La pasta la si può fare sia a mano sul tagliere oppure utilizzando una impastatrice o un robot da cucina.
Se si utilizza il metodo tradizionale con il tagliere, occorre mescolare le due farine e creare una fontana al centro.

 Lavare le uova, romperle e sbatterle con una forchetta in una terrina.


 Versare il composto all'interno della fontana ed iniziare a mescolare lentamente, incorporando farina alle uova.
Mescolare energicamente fino ad ottenere un impasto compatto ed abbastanza sodo. 

Avvolgere la pasta in una pellicola trasparente e lasciare riposare ameno alcune ore  (anche tutta una notte).

Esecuzione ripieno:

Prima di tutto procurarsi una sana zucca di un bel color arancione intenso.
La zucca la si può cuocere a vapore oppure al forno. 
La prima cottura normalmente lascia la zucca più morbida.
A cottura ultimata togliere la buccia e pesare la quantità occorrente.

Schiacciare la polpa con una forchetta.

Schiacciare gli amaretti con un batticarne.

In una capiente ciotola unire tutti gli ingredienti ed amalgamare bene il tutto.

L'impasto dovra' risultare morbido ma allo stesso tempo consistente.


Esecuzione dei tortelloni:
La vera pasta si dovrebbe stendere a mano con il mattarello, ma spesso si utilizza la macchina. Prelevare una quantità di pasta grande come un pugno di un bambino. 

Appiattirla e tirarla con la macchina, partendo dal numero più basso. 


Al primo numero la pasta andrà inserita più volte ,praticando ogni volta due o tre pieghe alla striscia di pasta, in modo che diventi liscia.

 Aiutarsi con due mani quando la pasta esce dalla macchina e tenerla tesa ( aggiungere un pizzico di farina) in modo che non si attacchi.


Terminare l'operazione tirando la pasta al  numero piu' alto, dovra’ risultare sottile.
Con apposita rotellina taglia tortelli ( in vendita nei casalinghi) tagliate la pasta nel senso della lunghezza. 

Togliete i ritagli in eccesso e metteteli sotto ad una terrina capovolta insieme all'altra pasta.


 Con il ripieno formate delle  palline. 

Queste dovranno essere giuste, perché se troppo grandi si farà fatica a chiudere il tortello.
Prendete il quadrato di pasta e formate un triangolo, tenendo una punta  più bassa.

 Spingete bene i contorni con indice e pollice poi giratelo attorno all’indice e chiudete le due estremità fra pollice ed indice.


Riponete i tortelli ad asciugare su un vassoio o su un setaccio.


I tortelli si possono far seccare, poi riporre in un sacchetto in freezer.
In alternativa si possono far scottare in un tegame con acqua ed un filo di olio. 

Scottarne una decina alla volta.


 Non appena l'acqua bollirà, toglierli dall'acqua ed appoggiarli su un canovaccio asciutto.


Quando si saranno asciugati e raffreddati riporli in sacchetti nel freezer oppure conservarli alcuni giorni in un contenitore nel frigo.

Consiglio di farli asciugare bene, poi di riporli in freezer dentro a dei sacchetti.
Al momento del consumo versateli congelati direttamente nel brodo bollente.

giovedì 15 ottobre 2015

FIORI D'AUTUNNO



Nonostante l'autunno sia prossimo i colori di questi fiori , ha attratto la mia attenzione e non solo.





Alla manifestazione di metà settembre "a spasso tra le rose" che si è tenuta presso l'azienda agricola Ippocastano di Casinalbo (Mo) ho potuto ammirare ancora qualche rosa fiorita e tante bacche rosse.



Vogliamo parlare delle rose ? 

Presto inzierò a creare delle talee di rose, che metterò a dimora nei vasi, sperando che in primavera si risveglieranno.
Mi piacerebbe creare un mini roseto accanto a quello che diventerà l'angolo del the.




Mazzi di lavanda secca profumatissimi....




Erica di tanti colori . E secondo voi nessun vasetto è venuto ad abbellire il mio giardino.



mercoledì 14 ottobre 2015

AFORISMA




La creatività è l'intelligenza che si 

diverte.



La passione è una espressione del cuore.




La manualità ne è la concretizzazione.




Ho letto questa frase nella pagina facebook  

Atelier di Cristina Paganelli, 


non conosco chi e' l'autore. 


La trovo stupenda...quindi l'ho voluta 



condividere.

venerdì 9 ottobre 2015

TORTELLINI ......TRADIZIONE EMILIANA



Piatto emiliano, famoso in tutto il mondo. 
La ricetta che vi spiegherò non e' la tradizionale, ma è quella che preferisco.

 Il ripieno del tortellino ha una consistenza pastosa, il gusto delicato ed aromatico è veramente gradevole.


Elisa V. è il nome della signora che diede tanti anni fa, la ricetta alla mia Mamma.



Ingredienti per il ripieno :

gr. 300 CARNE DI VITELLO

150 gr. DI POLPA DI MAIALE

150 gr. DI FILETTO DI POLLO

1 TUORLO o uovo piccolo

4 CHIODI DI GAROFANO

1 PEZZETTINO DI CANNELLA

200 gr PARMIGIANO REGGIANO GRATTUGIATO

Acqua – sale – pepe

2-3 cucchiai pane grattugiato



Esecuzione ripieno:


Lavare ed asciugare la carne e tagliarla grossolanamente. Far 

sciogliere il burro ed unire la carne le spezie e mezzo bicchiere di 

acqua  e lasciare cuocere a fuoco basse per 3-4  ore.

Lasciare raffreddare e togliere i pezzi di cannella ed i chiodi di 

garofano.

Tritare la carne con il macina carne o in alternativa con un mixer, 

unire al composto ottenuto  il tuorlo di un uovo ed il parmigiano 

reggiano grattugiato.

Nota: questo ripieno riulta essere molto delicato, con una nota speziata, morbido al palato quasi pastoso.



Ingredienti per la pasta:

il rapporto sarebbe 100 gr farina 1 uovo di circa gr.70

gr.200  farina doppio zero

gr.200 semola di grano duro 

4 uova (gr. 70 almeno cad)

Esecuzione pasta:

Per prima cosa occorrerebbe avere una spianatoia in legno o tagliere ed un mattarello .

Il tagliere di legno fa sì che la pasta diventi ruvida al tatto ed al palato,  se non lo avete usate quello che avete, anche un tavolo da cucina può andare bene.


Mescolare le due farine in una ciotola poi versarle sul tagliere, formando un cratere al centro . 

Lavare ed asciugare le uova, romperle in una ciotola e sbatterle bene con una frusta o con una forchetta.

Versare le uova al centro della farina e lentamente con una forchetta iniziate a mescolare farina e uova. 
Poco alla volta incorporate tutta la farina nelle uova e alla fine mescolare con le mani.
L’impasto dovrà risultare morbido ed elastico.
 Suggerimento: nel caso l'impasto risultasse troppo duro perchè magari le uova erano piccole, aggiungere 1 o 2 cucchiai di acqua tiepida.
Lavorare bene la pasta per almeno 10 minuti, dopodichè formare una pallina ed avvolgerla nella pellicola trasparente e riporla in frigo per almeno mezz'ora. 
In questo modo la pasta si compatterà.
La vera pasta fresca si dovrebbe stendere a mano con il mattarello, 

ma spesso si utilizza la macchina. 

Prelevare una quantità di pasta grande come un pugno di un bambino. 
Appiattirla e tirarla con la macchina, partendo dal numero più basso. 
Al primo numero la pasta andrà inserita più volte praticando due o tre pieghe, in modo che diventi liscia.

Terminare l'operazione con il numero più alto. Con apposita 

attrezzo taglia tortellini ( in vendita nei casalinghi) tagliate la pasta 

nel senso della lunghezza.

Togliete i ritagli in eccesso e metteteli sotto ad una terrina capovolta insieme all'altra pasta.


Con il ripieno formate delle piccole palline.

Queste dovranno essere giuste, perché se troppo grandi si farà fatica a chiudere il tortellino.


Prendete il quadratino di pasta e formate un triangolo, tenendo un 

lato più basso. 

Spingete bene i contorni poi con indice e pollice giratelo attorno al 

primo e chiudete le due estremità fra pollice ed indice. 

Riponete i tortellini ad asciugare su un vassoio o su un setaccio.

Le quantità di ripieno indicate in questa ricetta servono per un 

impasto di circa 600 gr. di farina.

Se utilizzate dosi indicate in ricetta ricaverete circa 300 tortellini 

per un peso di circa 900/1000 gr. e vi avanzerà del ripieno.

Consiglio di seccarli bene poi di riporli in freezer dentro a dei 

sacchetti.

Al momento del consumo versateli congelati direttamente nel 

brodo bollente.


mercoledì 7 ottobre 2015

GIARDINO D'AUTUNNO



Oggi c'è il sole. 

L'aria nonostante sia autunno, è tiepida.

Girovagando per il mio giardino i miei occhi si riempiono di belle immagini. 

 Un simile spettacolo deve esser fotografato, quindi prendo la macchina fotografica e vago scattando foto. 


Ogni stagione mi incanta per le sue particolarità. 


La melagrana cambia colore e le sue foglie si tingono di giallo.




Il frutto del melograno  si spacca e lascia intravedere piccoli rubini rossi.




Una Gerbera che tenta di fiorire.




  Funghi . Si funghi strani, improvvisi, che giusto ieri non c'erano.




La vita, la natura, un continuo mutare.

lunedì 5 ottobre 2015

APPENDIABITO



Altro giro per mercatini, altro arrivo . Splendide sono le "faccine"al centro dell'appendiabito. Anche la mi mamma ne ha uno simile nella camera da letto, appeso dietro la porta.




Aveva però perso la sua vera identità perché era stato dipinto di smalto come la porta a cui era appeso, quindi passava inosservato.
Questo appendiabito presenta appena un  po' di ruggine, ma per il resto è in perfetto stato di conservazione.
Il legno, massiccio, sembra quasi quercia, è integro, e sul bordo ha una simpatica molatura che lo rende più elegante.



Per ora è nella mia taverna, poi deciderò cosa farne.